Studio

Search Our Site

Lo studio del Doppiatore Pubblicitario e Speaker Radiofonico

Oltre ad una buona tecnica, indispensabile per la propria formazione professionale e alla dose individuale di talento, che come per tutte le cose fa parte di ciò che fa la differenza, al fine di svolgere l'attività di speaker radiofonico e doppiatore pubblicitario con degli elevati standard qualitativi, è fondamentale disporre di un'attrezzatura che possa garantire un'eccelsa ripresa audio sia per la conduzione in diretta di programmi radiofonici o in post produzione, ma soprattutto per le sezioni di audiorecording per la realizzazione di spot pubblicitari radiotelevisivi, radio imaging, sound designe televisivo, per la realizzazione di voice over, documentari e redazionali, audiocorsi, audioguide, audiolibri, e-learning, segreterie telefoniche, call center, doppiaggio in over sound, ecc.

Tuttavia senza ambiente non c'è audio! Non vi è alcuna attrezzatura in grado di poter dare una buona risposta in fase di recording se alla base non vi è un buon ambiente per la ripresa audio: un ambiente che risulti acusticamente corretto.
Per queste ragioni imprescindibili le mie incisioni sono realizzate in una sala acusticamente ottimizzata.

La catena Audio per registrare la voce

Come già detto è necessario disporre di un'attrezzatura adeguata. Cominciamo dal cuore della ripresa audio, il microfono o trasduttore elettroacustico, brevettato il 4 marzo 1877 dall'inventore tedesco Emile Berliner.

Per il mio studio ho scelto Neumann, azienda indiscutibilmente leader a livello mondiale nel settore, e guarda caso tedesca, presente sul mercato dal 1928 per la fabbricazione di microfoni la cui eccelsa qualità è universalmente riconosciuta per le innovazioni tecnologiche apportate lungo il corso degli anni nelle applicazioni del broadcasting radiotelevisivo, dello speakeraggio pubblicitario e del doppiaggio cinematografico.
In particolare, per il mio studio ho scelto il modello TLM103, microfono a diaframma largo particolarmente indicato per il broadcasting radiotelevisivo.
Per la processione del segnale mi affido al Focusrite Isa 430 MKII che rappresente l'apice della tecnologia Channel Strip Focusrite.
L'acquisizione digitale invece, è affidata all'interfaccia audio Babyface della RME, azienda leader nel settore, una scelta obbligata per tutti gli studi che vogliono garantire grande qualità.

L'ascolto critico ottimale

Registrare bene significa anche ascoltare bene.
Poter disporre di un ascolto con grande dettaglio è un elemento essenziale per poter garantire elevati standard qualitativi in fase di mixaggio e post produzione.
Io ho scelto una coppia di monitor audio A3X della Adam i cui elevati standard sono universalmente riconosciuti dai professionisti di tutto il mondo.
Per il monitoring in cuffia dispongo delle AKG 271MKII, interfacciate ad un preamplificatore della Presonus, ed esattamente il modello HP4.
Non trascurabile è anche lo storage di music library, sempre aggiornate con le ultime novità, per la caratterizzazione di qualsiasi tipo di scena audio: dallo spot radiotelevisivo fino al doppiaggio in over sound.